Risotto ai funghi porcini

Primo
Media
30 min
In casseruola
442 kcal
4

Ingredienti

  • 280 g di riso
  • 60 g di burro Granarolo
  • 70 g di cipolla
  • 300 g di funghi porcini freschi o surgelati
  • 70 ml di vino bianco secco
  • 40 g di Parmigiano grattugiato
  • un ciuffo di prezzemolo
  • qb brodo vegetale
  • sale, pepe

Consigli e curiosità per le tue ricette

Tante varianti per tutti i gusti

Un consiglio importante Non lavate i funghi porcini sotto l’acqua corrente: per provvedere alla loro pulizia è sufficiente munirsi di un coltellino affilato per eliminare le tracce di terra dal gambo e di un panno umido per pulire con delicatezza il gambo e la cappella del fungo.

Risotto ai funghi porcini

Preparazione

1
Versate in una casseruola 40 g di burro con la cipolla tritata finemente, poi fate soffriggere a fuoco dolce.
2
Aggiungete i funghi puliti, tagliati a fettine o a spicchi.
3
Continuate la cottura per un paio di minuti, poi unite il riso.
4
Fatelo tostare per qualche minuto, prima di bagnare con il vino bianco.
5
Lasciate evaporare a fiamma vivace, poi portate avanti la cottura bagnando gradualmente con il brodo caldo.
6
Regolate di sale e pepe.
7
Quando il risotto sarà cotto, mantecatelo con il burro rimasto e il Parmigiano grattugiato.
8
Decorate la preparazione con prezzemolo tritato e guarnitela con foglioline.

Ingredienti

  • 280 g di riso
  • 60 g di burro Granarolo
  • 70 g di cipolla
  • 300 g di funghi porcini freschi o surgelati
  • 70 ml di vino bianco secco
  • 40 g di Parmigiano grattugiato
  • un ciuffo di prezzemolo
  • qb brodo vegetale
  • sale, pepe
 Burro Granarolo Cucina ad Arte

Prepara questa ricetta con:

Burro Granarolo Cucina ad Arte

Il Burro Granarolo Cucina ad Arte è fatto esclusivamente con panne italiane a garanzia della qualità che da sempre Granarolo vuole offrirti.​
Fatto con panna cremosa, è perfetto per cucinare e per le tue preparazioni di pasticceria. Un alleato da avere sempre a portata di frigo. ​

IL CONSIGLIO AD ARTE: ungi sempre la tortiera con burro a pomata, il burro fuso crea uno strato troppo sottile che non garantisce il distacco del dolce dopo la cottura.