Pastiera napoletana

Dolce
Difficile
60 min
In forno
606 kcal
12

Ingredienti

Pasta frolla:
  • 500 g di farina
  • 200 g di zucchero
  • 200 g di burro Granarolo
  • 3 uova fresche Granarolo
  • buccia grattugiata di 1 limone biologico
  • 1 pizzico di sale
  • 1 pizzico di lievito
Ripieno:
  • 500 g di grano già cotto
  • 300 g di latte Granarolo
  • 300 g di zucchero
  • 30 g di burro Granarolo
  • 500 g di ricotta Granarolo
  • 8 uova fresche Granarolo
  • 1 cucchiaino di vaniglia in polvere
    (o 2 bustine di vanillina, se preferite)
  • 1 fialetta di essenza di fiori d'arancio
  • 1 arancia biologica
  • 1 limone biologica
  • 100 g di arancia e cedro canditi
Decorazione:
  • zucchero a velo

Consigli e curiosità per le tue ricette

Tante varianti per tutti i gusti

Il fascino della pastiera
La pastiera è un dolce tipico pasquale partenopeo. Oltre che per la sua bontà la pastiera conquista per la curiosità che circonda le sue origini. Esistono molte leggende che ne raccontano la nascita. Si narra che la sirena Partenope, che viveva nel Golfo tra Posillipo e il Vesuvio, allietasse gli abitanti con soavi canti e questi per ringraziarla le offrirono i loro doni più preziosi fra cui la ricotta, omaggio dei pastori e le uova metafora della vita che si rinnova. La sirena offrì questi doni agli dei che incantati a loro volta dalla dolcezza del suo canto mescolarono gli ingredienti trasformandoli nella prima pastiera. Un'altra versione ne attribuisce la nascita alla suora di un monastero napoletano che unì gli ingredienti prodotti nel monastero dando vita al dolce che simboleggiava la Resurrezione.

Pastiera napoletana

Preparazione

1
Ripieno: ponete il grano in un tegame, unite il latte e il burro.
2
Aromatizzate con la buccia grattugiata di limone.
3
Cuocete per 20 minuti da quando inizia il bollore, poi allontanate dal calore e aromatizzate con un cucchiaino di vaniglia in polvere (o con due bustine di vanillina, se preferite). Lasciate raffreddare.
4
Pasta frolla: lavorate velocemente gli ingredienti, formate un panetto avvolgetelo con pellicola e ponetelo in frigorifero per 30 minuti.
5
Con il mattarello stendete la pasta frolla allo spessore di 4 mm e rivestite lo stampo unto e infarinato. Ponete la tortiera in frigo. Stendete la frolla avanzata (circa 300 g) e ritagliate delle strisce.
6
In una ciotola, a parte, lavorate a crema la ricotta con lo zucchero e aggiungete 8 tuorli sbattuti, l'essenza di fiori d'arancio, la scorza grattugiata dell'arancia, i canditi e il grano. Mescolate molto bene e completate con 6 albumi montati a neve ferma.
7
Distribuite la farcia in uno stampo da 30cm di diametro e livellatela.
8
Ricoprite con le strisce di pasta incrociandole sulla farcitura.
9
Rifilate la pasta sul bordo.
10
Ponete la pastiera in forno a 175° per 30 minuti, poi proseguite la cottura a 180° per 40 minuti. Una volta cotta, sfornatela, sformatela e fatela raffreddare.
11
Servite la pastiera spolverizzata con zucchero a velo.

Ingredienti

Pasta frolla:
  • 500 g di farina
  • 200 g di zucchero
  • 200 g di burro Granarolo
  • 3 uova fresche Granarolo
  • buccia grattugiata di 1 limone biologico
  • 1 pizzico di sale
  • 1 pizzico di lievito
Ripieno:
  • 500 g di grano già cotto
  • 300 g di latte Granarolo
  • 300 g di zucchero
  • 30 g di burro Granarolo
  • 500 g di ricotta Granarolo
  • 8 uova fresche Granarolo
  • 1 cucchiaino di vaniglia in polvere
    (o 2 bustine di vanillina, se preferite)
  • 1 fialetta di essenza di fiori d'arancio
  • 1 arancia biologica
  • 1 limone biologica
  • 100 g di arancia e cedro canditi
Decorazione:
  • zucchero a velo
 Ricotta Granarolo

Prepara questa ricetta con:

Ricotta Granarolo

Nuova ricetta:
     + cremosa
     + gustosa

La Ricotta Granarolo è versatile e leggera, ideale in cucina per mantecare primi piatti, per ripieni di paste e torte salate e per gustose ricette dolci.

Consigliata perché fonte naturale di Calcio, elemento indispensabile per rinforzare e mantenere la salute delle ossa in ogni fase della vita come la crescita, la gravidanza, l'allattamento e l'età matura. In più non contiene conservanti.